Home PageLa BandDiscografiaFoto GalleryVideo GallerySala StampaSponsorLinksContatti
facebook linkyoutube linkitunes linkamazon link
logo getsemani text getsemani
text getsemani right fumetto getsemani

FEED RSSGetsemani provocazioni a suon di rock - Unione Sarda Nov 2010

Articolo del 19 Aprile 2013 - Redattore: A. M.
Getsemani unione sarda nov 2010«Le corde della chitarra, quelle del basso e le pelli di un tamburo hanno la stessa dignità delle corde vocali di Mina, ma se vuoi andare a X Factor devi essere un cantante». I Getsemani sono musicisti, suonano rock e non hanno un vocalist. Negli anni Settanta e Sessanta forse nessuno si sarebbe stupito di questo dettaglio. Il trio formato Dario Masala (basso), Daniele Sanna (chitarra) e Alberto Ferreri (batteria) ha cercato di trasformare in punto di forza questa anomalia, ma in futuro non è escluso che accanto ai tre ci sia anche un cantante. «Abbiamo pensato a Piero Marras - dice Dario Masala - naturalmente non gli chiederemo di cantare sul palco con noi. Abbiamo un altro progetto: ci piacerebbe utilizzare la sua voce, usarla come uno strumento musicale. Lui ha un timbro unico, fantastico. Campionando la sua voce la nostra musica diventerebbe più ricca». Qualche mese fa i Getsemani hanno incontrato la voce di Mere manna in un autogrill. «Gli abbiamo regalato il nostro disco, chissà che non decida di raccogliere il nostro invito». In attesa di una risposta si concentrano sul loro progetto e collezionano premi a ripetizione.

Negli ultimi anni hanno vinto tre concorsi per band emergenti. Questa sera suoneranno a Faenza in occasione del Mei, il meeting più importante della scena indipendente italiana.

Giovedì scorso si sono esibiti all’Arteria di Bologna, ieri all’Asylum di Torino. «Al Mei abbiamo trenta minuti a disposizione - spiega Masala - speriamo di fare del nostro meglio». I Getsemani suonano un rock pluricontaminato. «Noi ascoltiamo svariati generi - continua il bassista - a me per esempio piace tantissimo il cantante dei Level 42, ma la nostra musica è influenzata da una molteplicità di suoni, anche da quelli della tradizione». Nel secondo disco hanno strizzato l’occhio alla Sardegna. «Nel brano Sonos e contos - dedicato all’omonima rivista e al direttore Pierpaolo Fadda - si sentono i suoni degli strumenti musicali sardi suonati dagli stessi artigiani che li realizzano». Nei programmi futuri c’è anche un video. «L’idea c’è già. Un maestro burattinaio che parla di un teatro chiuso con le porte murate dove la gente non può entrare. Rappresenta il lamento di artista che non riesce a esprimersi». I Getsemani nascono le 2006. Dopo un anno vincono il concorso regionale Sardinian Rock Contest. Nel 2008 si impongono nella selezione regionale di Italia Wave Love Festival e rappresentano la Sardegna nella finale di Livorno. Nel 2009 arrivano altri due riconscimenti: il primo premio a Barbagia Rock e la vittoria a Sottosuoni, il più importante concorso isolano riservato a formazioni esordienti. La band sarda è stata inoltre tra le protagoniste del progetto Brinca, curato dall’associazione che sotto la direzione di Giancarlo Palermo promuove la musica sarda in Europa.

Articolo a cura di Francesco Pintore, pubblicato ne L'Unione Sarda del 27 Nov 2010.

I commenti per questo articolo

Non ci sono commenti da visualizzare per questo articolo.

Altri articoli in evidenza

visita il sito www.wmamba.it