Home PageLa BandDiscografiaFoto GalleryVideo GallerySala StampaSponsorLinksContatti
facebook linkyoutube linkitunes linkamazon link
logo getsemani text getsemani
text getsemani right fumetto getsemani

FEED RSSGetsemani: straripante potenza sonora

Articolo del 03 Aprile 2015 - Redattore: F. C.

GETSEMANI-3 LOGIC-2013- Review by Pierpaolo Fadda (Antas - 1 Giugno 2014)

Fusion, Contemporary Jazz, rock psichedelico, funk . Può bastare per definire i Getsemani, band di Orani/Ozieri? Potrebbe, se non fosse che in 3-Logic, terzo lavoro discografico della band echeggia il folk di matrice sarda. Registrato al Sonica Studio di Orani, il disco conferma quanto di buono avevamo già scritto dei Getsemani, che sopperiscono alla mancanza di un cantante con una straripante potenza sonora. Premessa, tutto l’album è stato concepito come fosse una live session, con tre tracce separate, una di batteria , una di basso e una di chitarra. Planet, brano dedicato alla Sardegna chiarisce subito che il folk è linfa vitale del Getsemani-sound, con tempi che richiamano i nostri balli sardi. My teathre è un denso jazz blues che rappresenta uno dei “vertici” artistici del disco: raffinato, emozionale, ti sorprende ad ogni ascolto con cambi di tempi musicali assolutamente originali. When I Together apre la parentesi più rockeggiante dell’album assieme a Rock House, altro brano melodico e heasy listening con inframezzati gli immancabili tempi dispari tanto cari alla band. Ma è con Monna lisa, che i “nostri” tornano a imboccare il sentiero a loro caro: sua maestà il funky furoreggia, e stupisce l’intreccio armonico creato da batteria, basso e chitarra, con due riff musicali che saggiano il vecchio sapore motown americano. Sweet è un brano dolce e molto orecchiabile, apparentemente semplice da eseguire ma in realta song complessa e arrangiata con grande maestrìa. Da segnalare anche Eagle fly free eagle , brano di puro jazz contemporaneo, che va in crescendo sino al picco di esplosione e Money groove , pezzo rockeggiante , con un groove di batteria semplice e composto, trascinante. E infine 42 Kings, un post rock, con fraseggi particolari e marcanti accenti del basso di Dario Masala. Disco imperdibile.

Pierpaolo Fadda

I commenti per questo articolo

Non ci sono commenti da visualizzare per questo articolo.

Altri articoli in evidenza

visita il sito www.wmamba.it